Aspetti generali della grammatica del mandarino standard

http://kidslink.bo.cnr.it/irrsaeer/calamo/cinese2d.jpgTutti i dialetti del cinese condividono un sistema grammaticale simile che differisce da quello che utilizzano altre famiglie di lingue. Tutte le parole hanno un'unica forma grammaticale, dato che la lingua non ha coniugazioni, declinazioni o inflessioni, salvando alcune eccezioni. Le forme del passato o i plurali si esprimono con la sintassi.

I tempi verbali non si indicano grammaticalmente, ma si usano avverbi di tempo (ieri, dopo) particelle aspettuali o preposizioni che indichino il fine di un'azione o un cambiamento di stato, oltre a tenere in conto il contesto. Anche le particelle si usano per fare domande; se alla sintassi delle frasi enunciative, soggetto+verbo+complementi, aggiungiamo la particella "ma", in mandarino, otterremo una domanda. Così neanche i plurali sono indicati grammaticalmente eccetto i pronomi ed i sostantivi polisillabici che si riferiscono a persone.

Dovuto alla mancanza di inflessione la grammatica cinese può sembrare più semplice chi parla le lingue romanze che è abituato alle lingue flesive. Ma, nonostante questa apparenza, la sintassi del cinese ha un alto livello di complessità.

Fonte: http://www.cinese.org/itchinese/grammar.asp

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :
Thème Noodle -  Hébergé par Overblog