Imparare una lingua straniera col Web 2.0

http://www.altamirasoftware.com/wp-content/uploads/2010/09/web_2_0.pngPer apprendere una lingua il contatto con le altre persone è fondamentale. Ma non sempre è facile: il Web 2.0, però, mette a disposizione una serie di social network adatti allo scopo, in cui si è studenti e insegnanti nel contempo.

 

L’estate e l’anno nuovo hanno una cosa in comune: sono il momento dei buoni propositi. Uno di quelli più universali e condivisi – ma che spesso rimangono tali – oltre a perdere qualche chilo e smettere di fumare, è imparare una lingua straniera.

Un po’ per la pigrizia, un po’ per il fatto che apprendere una lingua ripetendo in solitudine le frasi di qualche corso in fascicoli non è il massimo della gratificazione, molto spesso questi buoni propositi rimangono – per l’appunto – solo propositi. Ma chissà che qualcosa non possa cambiare col Web sociale?

Di siti che si ispirano al concetto di social network per aiutare a imparare una lingua ce ne sono diversi, ma uno su tutti sembra esseri imposto: Livemocha. L’idea su cui si basa ce la spiega Solearancio:

L’idea-base è semplice: aiutarsi a vicenda per imparare le lingue. Tramite i vari contatti che è possibile crearsi è possibile conversare (direttamente o in chat-room dedicate), migliorare il proprio scritto o parlato. I nostri contatti saranno una via di mezzo tra compagni di corso e insegnanti, che integreranno le nostre competenze apprese mediante i corsi online disponibili sul sito (a prima vista ben fatti), dotati di slides, letture, video, registrazioni ed esercizi anche sottoforma di gioco. Un ottimo esempio di applicazione del concetto di Web 2.0 all’E-Learning

 

Qualche dettaglio in più su Dicoweb:

Chiunque può iscriversi e completare i corsi di una delle diverse lingue disponibili tra cui italiano, inglese, spagnolo, cinese mandarino, hindi, francese e tedesco. Ci sono una serie di corsi di diversi livelli, compresi i corsi per principianti e corsi avanzati. Ma la vera perla di questo sito è che avete l’opportunità di affinare le vostre abilità linguistiche con altri utenti parlando con loro o usando la chat di testo sul sito. Vi permette di trovare utenti madrelingua e tutor che vi aiutano a imparare la lingua.

A differenza di molte altre applicazioni, LiveMocha è completamente gratis, e offre anche un maggior numero di lingue disponibili rispetto ad altri siti concorrenti. Un’interessante lingua disponibile nel sito è il cinese.

Il sito si presenta con un bel design, è molto facile da usare e offre delle interessanti opzioni per personalizzare la propria pagina dopo aver registrato un’account. Nell’interfaccia principale non è presente la lingua italiana che verrà implementata in futuro, si può scegliere tra inglese spagnolo e portoghese. E ‘molto più divertente da usare rispetto che leggere un libro o guardare un CD ROM per imparare una lingua, tutto il materiale è molto accattivante, e questo fa in modo che non vi annoierete e non vi allontanerete. L’apprendimento di una lingua di sicuro comporta un duro lavoro, ma questo sito rende le cose molto più facili.

Il Lato Cross sottolinea in particolare il valore aggiunto di questo essere contemporaneamente allievi e maestri:

Inizia così un percorso interattivo dove un secondo prima siete maestri ed un secondo dopo alunni, poi di nuovo maestri e via dicendo. In tutti e due i ruoli potrete essere valutati dal network ed acquisire Mochapoints che accrescono la vostra credibilità all’interno della piattaforma fino a darvi l’opportunità di essere eletti maestri ordinari (con la possibilità nelle prossime versioni di guadagnare qualche soldo!!!).

Ovviamente non mancano gli spazi per chattare, gli amici da aggiungere o da bloccare, avatar, foto, profili, compleanni e relationship status, come conviene ad ogni social network. Ma se mentre correggete i vostri alunni/maestri riscoprite alcune regole grammaticali imparate alle elementari, e se poi quelle stesse regole appena riscoperte vi aiutano a comprendere meglio la lingua che desiderate imparare, avrete ottenuto qualcosa che Myspace o Facebook o Twitter non potranno mai darvi.

Ma Livemocha non è l’unico del suo genere. Esistono anche altri siti come – ad esempio – Palabea, My Happy Planet, Babbel, Cosmo Trainer e StudyLangs, tutti accuratamente recensiti da Pom-Hey Web:

 My Happy Planet è più essenziale e, volendo, veloce, rispetto a Palabea.
Si accede alla HomePage, molto essenziale e pratica, si inserisce che lingua si parla e quale si vuole imparare.
Successivamente viene mostrata la lista di persone iscritte al servizio che corrisponde ai criteri cercati, quindi, a esempio, si trova una australiana che insegna a aparlare inglese e che in cambio chiede di imparare l’italiano.
Il sito mette a supporto una serie di strumenti di comunicazione, video di apprendimento e lezioni online.

4) Ottimo social network per imparare le lingue è anche Italki che permette, con un sito ad alta professionalità, di scambiare le competenze con altri utenti, di trovare un insegnante e di insegnare la propria lingua, di scaricare risorse audio e documentali, di vedere video didattici e partecipare alle community internazionali.

5) Babbel è un’altra applicazione web per imparare le lingue, in questo caso limitate solo all’Italiano, l’Inglese, Il Francese, lo Spagnolo e il Tedesco.
Si sceglie il livello con cui si conosce la lingua che si vuole imparare o approfondire e, a seconda di esso, vengono proposti tanti esercizi e attività scritte e audio.
i sono anche diversi giochi e lezioni mirate ad argomenti e a contesti, come ad esempio, il dialogo al suermercato, il dialogo a scuola, alla ricerca di informazioni stradali e cosi via.
La componente social network non viene dimenticata e si possono fare nuove amicizie con cui scambiare parole e praticare l’uso della lingua.

6) Cosmo Trainer, presenta una interfaccia molto semplice basata soprattutto sui dizionari.
Si tratta di una serie di esercizi, domande ed esercitazioni di traduzione di parole o piccole frasi da una lingua a un’altra.
Sul sito, gli esercizi, sono chiamati “vocabolari”, si sceglie la lingua che si conosce e quella che si vuole imparare, dopodichè si avvi un eserciio, scegliendo uno dei vocabolari presenti sul sito, tra quelli predefiniti e quelli personalizzati e creati da altri utenti.
Registrandosi al sito, si potranno creare nuovi vocabolari, ossia nuove esercitazioni, e condividere con altri utenti i propri risultati che verranno memorizzati sul sito per avere un percorso di apprendimento.
Cosmo Trainer è ancora in fase di beta e si spera migliori, tuttavia per affrontare una lingua, da zero, può essere un buon modo di iniziare.
Tra le lingue disponibili e predefinite, vi sono Italiano, Sagnolo, Inglese, Tedesco, Francese e altre lingue di cui esistono più o meno vocabolari.

7) StudyLangs è simile a Cosmo Trainer ma è molto più maturo e bello, sia da vedere che da usare.
Si tratta di imparare una lingua con l’uso dei vocabolari e con le traduzioni guidate di termini, parole ed espressioni complesse.
Le liste di traduzione dei vocaboli divise per categorie (casa, cibo, professioni, economia, scuola, ecc.) e tutti gli utenti registrati possoo aggiungere parole e traduzioni di espressioni e giudicare le liste di traduzione degli altri utenti.
Tramite un calendario integrato, si possono tracciare i progressi e l’apprendimento della lingua scelta.
Le lingue disponibili sono Italiano, Spagnolo, Inglese, Francese, Tedesco e Portoghese.

Di Palabea scrive anche Loriscosta:

 Palabea è un network online interamente dedicato a chi vuole imparare nuove lingue. Per utilizzare i servizi offerti è necessario registrarsi, dichiarare quale lingua si conosce e quale si desidera imparare. Attraverso Palabea si possono ricevere lezioni e materiali (testuali o multimediali) per la lingua che si desidera imparare rispetto al livello scelto. Nel momento in cui si incontrassero difficoltà, è possibile cercare una persona che possieda le capacità linguistiche desiderate, invitarla ad aggiungersi al proprio network e creare un produttivo scambio di conoscenza. Inoltre si può aprire una classe virtuale dove è possibile modificare ed arricchire questo materiale. Gli utenti possono scegliere se lavorare da soli o in gruppo. Inoltre: è possibile il download di podcast o di lezioni video; lavorare con documenti, dizionari ecc.; se uno studente volesse studiare una lingua offline con metodi tradizionali potrebbe ottenere informazioni su corsi di lingua nella sua città o all’estero, tenersi in contatto con persone che seguono questi corsi ed ottenere opinioni, commenti eccetera, avere accesso a materiale che le stesse scuole mettono a disposizione su Palabea.

I Link :
Palabea

Per arricchire e affinare il proprio lessico Ziogeek propone Verbalearn:

VerbaLearn che vi aiuterà a migliorare il vostro vocabolario di inglese, online con diverse sessioni di studio. Lo strumento apprende con voi e tiene un registro dei vostri progressi e punti deboli. È possibile utilizzare lo strumento off line, ascoltando la pronuncia di alcune parole ad esempio, ed effettuare pratica on-line.

Non possono ovviamente mancare all’appello i podcast. Advanced Technology raccomanda quelli della BBC:

trovo eccezionali i podcast che la BBC rilascia periodicamente che vanno dalla mera lezione di grammatica ad un approccio intervista / commento così per riuscire a far pratica anche con la comprehension.

AB Technoblog segnala invece diverse risorse podcast per imparare le lingue, anche lingue meno universalmente note in Occidente ma fondamentali come il cinese:

 il Mandarin Chinese é oggi la lingua piú parlata della terra per numero di persone, le ultime stime parlano di circa 885 milioni di persone madre lingua, un abisso con la seconda, l’Inglese che ne conta solo 350 milioni.

Inoltre il Cinese é anche la lingua piú antica del mondo, é parlato da circa 3500 anni, e credo che nel prossimo futuro sarà “la lingua” che potrà fare la differenza nel proprio bagaglio culturale.

Per la lingua Cinese queste sono le risorse disponibili :Chinese LEARN ONLINE
Una bella serie di lezioni podcast gratuite ( piú ulteriori risorse “Premium” a pagamento ) pubblicate il Lunedi, Mercoledi e Venerdi, per ascolto via iTunes, Yahoo, scarico MP3 o direttamente online.

ChinesePod
Sito piú strutturato con risorse tendenti a una utenza professionale, differenti livelli di apprendimento e lezioni orientate su temi legati al mondo degli affari, con podcast giornaliero e un archivio di 450 podcast già pubblicati.

Chinese lessons with Serge Melnyk
Sito con una impronta piú personale, basato sulla esperienza diretta maturata in 12 anni di direzione corsi di una scuola bilingue a Shanghai,
46 lezioni podcast a oggi, e altro materiale di supporto disponibile.

iMandarinPod
Una serie di oltre 100 lezioni podcast di livello medio / avanzato, tenute da insegnanti cinesi che trattano di cultura e attualità nella Cina di oggi.

Mandarin Chinese Conversation
Una serie di conversazioni e risorse audio / video di TimesOnline.

Mandarin Chinese
15 lezioni preparate dall’ US Peace Corps. complete di testi scaricabili in formato pdf.

Survival Chinese
Per imparare le frasi cinesi essenziali da utilizzare in viaggio.

Think and Talk Like Chinese
Una serie di lezioni podcast dell’insegnante Cathy Lu sulla storia e la cultura cinese.

 

Chiudiamo con Tellthetruth che segnala i programmi prodotti dalla Rai, che se nelle sue reti generaliste ha ormai abdicato al suo ruolo di tv di servizio in nome delle varie Isole dei Famosi e reality vari, col canale Rai Educational produce ancora contenuti di qualità:

Tanto per non sfigurare come italiani, segnalo come molto ben fatto il sito di Rai Educational: http://www.ild.rai.it le risorse sono dedicate a bambini, ragazzi e docenti, ma sfido chiunque a non trovare interessante il materiale prodotto e a non appassionarsi alle avventure di Tracy e Polpetta http://www.ild.rai.it/serie.asp?IDSerie=96
Io li guardo spesso sul satellite e mi diverto un sacco, rammaricandomi del fatto che quando ero piccola io di tutto questo non c’era alcunché.

 

Fonte: http://magazine.liquida.it/2009/07/08/imparare-una-lingua-straniera-col-web-20/

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :
Thème Noodle -  Hébergé par Overblog