La memoria emotiva. Un grande mnemonista ci spiega il metodo più semplice e rapido per ricordare

http://ecx.images-amazon.com/images/I/51QFCH6XstL._SL500_AA300_.jpgLa memoria e chi ne fa sfoggio da sempre accendono la curiosità della gente e della scienza. Ma qual è il segreto di Gianni Golfera? Pensare per immagini. Associare una formula, una frase, le pagine di un libro a una serie di visioni mentali concatenate tra di loro in una sequenza logica. Golfera gira il mondo tenendo conferenze, corsi e lezioni universitarie. Ha infatti messo a punto un semplice metodo: si chiama "Gigotec", che sta per "Gianni Golfera Tecnica". Questo libro vuole insegnare tutti i segreti di quest'arte.
Gianni Golfera, è un personaggio noto al pubblico e alla scienza per la sua intensa attività di ricercatore e formatore e, soprattutto, per una memoria definita pressoché “illimitata” in sede sperimentale. E’ considerato dalla comunità scientifica internazionale “l’uomo con più memoria al mondo”.

E' l'deatore del sistema GiGoTec (Gianni Golfera Tecniques) che consente l'apprendimento di qualsiasi informazione in brevissimo tempo.

Golfera, l’“uomo dalla memoria d’oro”, il giovane neanche trentenne che riesce a ricordare tutto, quello che ha memorizzato alla lettera 261 libri e che può ripetere, senza commettere errori, sequenze di 10.000 numeri, è ben lontano dal voler suscitare particolare meraviglia in platee alla ricerca di sensazioni forti.

L’obiettivo di Gianni è informare il maggior numero di persone possibile che la sua memoria formidabile non è né un talento acquisito geneticamente, né il frutto di un’intelligenza fuori dal comune, ma piuttosto il risultato dell’applicazione costante di una tecnica che può essere appresa da chiunque.

L’applicazione (nella vita di tutti i giorni) del metodo GiGoTec, permette alla mente di sviluppare collegamenti tra neurone e neurone (sinapsi), rallentando, così, l’invecchiamento cerebrale. Tramite un diverso modo di pensare e di archiviare le informazioni, facendo leva sull’emisfero non dominante del cervello, si riesce a portare (al primo ascolto o alla prima lettura) ogni informazione in quella che viene chiamata “memoria a medio termine”. È questo che permette a chiunque di moltiplicare per dieci la propria memoria.
Il successivo utilizzo dell’informazione porterà il dato acquisito nella “memoria a lungo termine”.

Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :
Thème Noodle -  Hébergé par Overblog